2 novembre 2007.

Comunicazione digitale
D’accordo, lei è carina, ti dici. La prima volta. La seconda ti chiedi che cos’abbia da ridere. La terza la odi. Profondamente. E non importa se la campagna è costata “solo” un milione e mezzo di euro, non importa se il brief consegnato dal Ministero della Salute a Toscani era tanto risicato quanto assurdo, non importa se il messaggio che vuole comunicare è quello di ottimismo, giovinezza e speranza per il futuro. Ché tutti ci teniamo, per carità. Ma se per comunicare tutto questo, se per “vendere” un servizio pubblico come una marca di vestiti utilizzano una che pare una cinese che ti prende in giro per quanto sei sfigato tu, italianobaffonerounpoipocondriaco, a me un po’ viene l’orticaria.
[tags]pubblicità, comunicazione, advertising, sanità, toscani[/tags]