7 maggio 2008.

iab socialwareSi è concluso lo IAB Forum a Roma, che si è concentrato da un lato sull’esposizione e sull’analisi dei dati che fotografano una decisa crescita degli investimenti pubblicitari online, dall’altro sugli aspetti innovativi del Marketing online ponendo particolare accento sull’engaging dell’utente attraverso gli strumenti del Web 2.0 quali Social Network, blog, videosharing, ecc..
Il Marketing 2.0 quindi, come opportunità per gli investitori di migliorare l’efficacia delle campagne e la propria Brand Awareness, con esposizione di interessanti case histories di Renault, Enel, Poste, Avis, Procter&Gamble. Su questo tema ottimi su come al solito (in termini di capacità comunicative e temi trattati) gli interventi di Marco Montemagno e Vito Di Bari, che presto potrete vedere online. Ma l’Interactive Advertising non è solo innovazione e Web 2.0, anzi. A sentire gli interventi dei rappresentanti delle concessionarie pubblicitarie big players in Italia (Niumidia, Tiscali Adv, Wind, Microsoft Digital, Yahoo! Italia) sembra che i più conservativi siano proprio loro: a fronte di un mercato in evoluzione costante, la classica pubblicità “tabellare” la fà ancora da padrona e anche l’atteggiamento che è emerso dali speakers è di una certa reticenza a lanciarsi nel “nuovo”. Una “scollatura”, insomma, esiste ed è bella grande: c’è un mondo di servizi 2.0 che consentirebbero all’ADV di cogliere gigantesce opportunità di crescita e miglioramento del ROI, ma tutto ciò si scontra con una platea di “big spender” (i clienti che investono in pubblicità) e grandi concessionarie che (con le dovute eccezioni) preferiscono per il momento stare con i piedi ben piantati a terra e continuare a macinare banner. E in effetti il paradosso più grande di tutto il Forum è che mancava (fisicamente e negli speech di tutti) IL VERO protagonista dell’adv mondiale e, soprattutto, delle nuove potenzialità dell’Advertising: dov’era Google?

[tags]iab forum 2008, iab, advertising, marketing 2.0, marco montemagno, vito di bari, webmarketing[/tags]