Politica e Web 2.0

In America già l'hanno capito (barackobama.com, hillaryclinton.com). In Francia pure. In Italia siamo ancora indietro, ma a piccoli passi (vedi gli ultimi "exploit" su Web di Di Pietro) lo capiranno. I politici stanno realizzando che i metodi di persuasione politica cambiano, forse sono già cambiati, sicuramente possono essere migliorati proprio grazie a ciò che Internet, soprattutto con la sua ultima fase evolutiva del Web 2.0 e del blogging, può consentire in termini di ROI politica. Passatemi quest'ultimo termine, ma sappiamo benissimo che non siamo lontani dalla realtà. Io investo soldi (e per la politica se ne spendono tanti, un mucchio, per le campagne elettorali), io creo strutture e mi doto di strumenti, io voglio risultati quantificabili e misurabili. Ora, grazie all'ondata dei Social Network che hanno invaso e sconvolto il panorama del Web, i politici hanno in mano uno strumento in più, che io ritengo si dimostrerà alla fine un arma a doppio taglio. Mi spiego. Da un lato la possibilità di creare Social Network intorno a una candidatura, aumenta esponenzialmente il grado di penetrazione tra la gente e soprattutto la sua velocità. Il convincimento, la persuasione stessa dei consumatori-elettori (di questo si tratta) tra l'altro cresce, perché come sappiamo: "dimmi qualcosa e la dimenticherò, mostrami e forse ricorderò, coinvolgimi e comprenderò" (Confucio). Il coinvolgere gli elettori potenziali (consentendo loro di partecipare con la pubblicazione di video, foto, commenti, idee), fa dell'elezione una vera "esperienza collettiva", che come tale si fisserà come traccia indelebile nelle menti dei partecipanti. Questi ultimi percepiranno così l'elezione del candidato come una sorta di "lavoro di squadra" in cui si è stati protagonisti direttamente. Vorranno disperatamente la vittoria, perchè si sentono di vincere un po' anche loro. Ma tutto ciò è una spinta fortissima verso la politica diretta, verso quella utopica "democrazia diretta" che è sempre fallita come tentativo storico ma che ora, forse come in nessun altra epoca, ha qualche possibilità maggiore di essere visibile, per lo meno percepibile. Ne siamo lontani e ho fortissimi dubbi che si realizzerà qualcosa di simile, ma il punto è questo: l'elettore coinvolto, spronato a partecipare, dotato di strumenti di collegamento e condivisione di informazione (quali sono Internet e i nuovi Social Network) è un elettore un po' più pericoloso. Si, è vero, ti dà il suo voto. Ma è anche un elettore che in qualsiasi momento, da qualsiasi luogo, inaspettatamente, può lanciare un iniziativa di "massa" contro il tuo operato. Tenerti sul filo di lana, osservarti. Le possibilità di azione, di "class action" sociale (vedi Beppe Grillo) sono sempre più evidenti. Per questo parlo di "arma a doppio taglio" per i politici, una sorta di croce e delizia: il Web 2.0 si rivela un potentissimo strumento di marketing elettorale ma può ritorcersi contro il politico stesso in caso di mancato ottenimento degli obiettivi, di politica scarsamente condivisa con la stessa base che l'ha votato, di tradimento delle promesse elettorali. Occhio, quindi. L'elettore vi guarda. 🙂

Claudio Vaccaro

Articolo di Claudio Vaccaro

Creo aziende di successo insieme a persone che condividono la mia visione, investo in startup contribuendo alla loro crescita e trasferisco valore con i corsi che tengo nelle più importanti business school italiane.

guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
trackback

[…] anche (non solo, ovviamente) da come questi nuovi partiti sapranno sfruttare e interpretare le opportunità della […]

Svetlana
7 anni fa

Do you suffer from KIDNEY DISEASE? Do you know that, acrdcoing to latest researches, DIALYSIS IS NOT NECESSARY? A friend of mine got off dialysis (stage 5 CKD) and healed his kidney. Take a look:click this site

Toprak
6 anni fa

From a forum just visited:Ice Cream That’s Hard To SwallowIn honor of the 44th President of the United States , Baskin-Robbins Ice Cream has iceoudtnrd a new flavor: Barocky Road Barocky Road is a blend of half vanilla, half chocolate, and surrounded by nuts and flakes. The vanilla portion of the mix is not openly advertised and usually denied as an ingredient. The nuts and flakes are all very bitter and hard to swallow.The cost is $92.84 per scoop so out of a hundred dollar bill you are at least promised some CHANGE..!When purchased it will be presented to you in a large beautiful cone, but after you pay for it, the ice cream is taken away and given to the person in line behind you at no charge. You are left with an almost empty wallet, staring at an empty cone and wondering what just happened. Then you realize this is what redistribution of wealth is all about.Aren’t you just stimulated?

Princess
6 anni fa

Thanks so miuch everyone! We had a lot of fun dsrneisg up. It was nice to be in character and yet not feel too much like we were in costumes. Louise: No, we did not use a flash for these photos. We just put the camera on a tripod and then stood very, very still! Ha.

online degree programs

It’s imperative that more people make this exact point.

Jay
Jay
6 anni fa

exactly!!!! That’s why I’m so obsessed with the dress. it’s so silmpe that you don’t look like you’re trying too hard but the fun colors & patterns are a perfect kick of spring! Thank you so much for taking the time to comment! Really love hearing what you love about my posts. LOVES

© 2020 Claudio Vaccaro. All rights reserved.